Anello di sosta, by babysara

Reply

c'è un "giusto" modo di porre le domande alle carte?????

« Older   Newer »
view post Posted on 12/8/2011, 20:20 Quote
Avatar

Group:
Member
Posts:
817

Status:


ciao a tutti,
la mia è una domanda forse molto cretina...ma mi chiedevo se c'è un "giusto " modo di porre le domande alle carte.

mi spiego: se ad esempio io chiedo " X pensa a me?" oppure " ci sarà un ritorno da parte di Y?" la risposta delle carte potrebbe essere solo un SI, o un NO, e allora che senso ha che io metta 5-7-10 carte????

se invece io pongo la domanda " come potrà proseguire la tal faccenda?" oppure " cosa succederà con X?", allora le carte estratte, 5...7....10...15, mi diranno l'evluzione dei fatti, o sbaglio??

quindi intuisco che porre correttamente la domanda è molto importante per dare un senso alle carte che escono in una stesa.

voi per formulare le domande come fate? pensate ad un quesito e poi decidete quante carte estrarre, o decidete quante carte e poi fate la domanda??'

e poi mi chiedevo anche se le sibille possono rispondere a qualunque domanda?
o hanno qualche limite???

vi sarei grata di un vostro parere :wub:

baci
pepper

non porre mai limiti a future possibilità.
..qualsiasi cosa ci accada è sempre la conseguenza di uno stato d'animo nutrito a lungo..
 
PM Email  Top
view post Posted on 12/8/2011, 22:33 Quote

Group:
Fan
Posts:
181

Status:


Secondo me si cara pepper, anche se può sembrare banale, il tuo discorso è più che pertinente poichè ad una domanda precisa occorre dare una risposta precisa e quanto più chiara possibile. La quantità delle carte poi, anche se non stabilita serve in ogni caso ad ottenere un responso preciso in positivo o in negativo. Io credo anche che sia utile cercare di ottenere, tramite la domanda, quante più informazioni possibili se si vuole "approfittare" dell'opportunità che purtroppo è tralaltro limitata. Il modo in cui si pone una domanda, rivela, forse, per cosi' dire "chi siamo e cosa vogliamo" :) ciao pepper !!!
 
PM Email  Top
view post Posted on 12/8/2011, 23:28 Quote
Avatar

Group:
Member
Posts:
3,453

Status:


La domanda non mi pare banale..
Io ti dico la mia piccola esperienza.

decido il numero di carte in base alla domanda e prima di stenderle, al massimo dopo il taglio.
Se voglio una risposta secca ne prendo solo 3, o è un si o è un no e per me i tarocchi rispondono meglio. vanno dritti al sodo e analizzando anche 3 carte puoi capire tante cose.

Se voglio sapere l'evoluzione delle cose mi servono più carte, così pure se voglio vedere più in là nel tempo.

Se ho curiosità, voglio sapere stati d'animo, pensieri di qualcuno le sibille mi pettegolano meglio.
Ma ho notato che a me prendono tempi brevissimi rispetto ai tarocchi.

Più precisa è la domanda più precisa è la risposta. meno giri di parole si fanno nel porre la domanda meno giri di parole fanno le carte.

Più carte si prendono più si va in là nel tempo. però specialmente se sono per me stessa, estrarre molte carte mi porta fuori strada. io sono pessimista di natura, vedo sempre negativo, quindi più la questione è importante per me più vado in palla con troppe carte e ho bisogno di aiuto per capirle.

Baci :P


 
PM Email  Top
view post Posted on 13/8/2011, 17:22 Quote
Avatar

Group:
Member
Posts:
817

Status:


CITAZIONE (persuasa @ 12/8/2011, 22:33) 
Secondo me si cara pepper, anche se può sembrare banale, il tuo discorso è più che pertinente poichè ad una domanda precisa occorre dare una risposta precisa e quanto più chiara possibile. La quantità delle carte poi, anche se non stabilita serve in ogni caso ad ottenere un responso preciso in positivo o in negativo. Io credo anche che sia utile cercare di ottenere, tramite la domanda, quante più informazioni possibili se si vuole "approfittare" dell'opportunità che purtroppo è tralaltro limitata. Il modo in cui si pone una domanda, rivela, forse, per cosi' dire "chi siamo e cosa vogliamo" :) ciao pepper !!!

ciao persuasa, grazie della risposta.
ma mi viene da pensare che allora a questo punto nemmeno serve porre una domanda!!!
basta estrarre delle carte e vedere cosa dicono in base al contesto in cui voglòiamo indagare.
che ne pensi?

ciao :wub: pepper

CITAZIONE (titty1973 @ 12/8/2011, 23:28) 
La domanda non mi pare banale..
Io ti dico la mia piccola esperienza.

decido il numero di carte in base alla domanda e prima di stenderle, al massimo dopo il taglio.
Se voglio una risposta secca ne prendo solo 3, o è un si o è un no e per me i tarocchi rispondono meglio. vanno dritti al sodo e analizzando anche 3 carte puoi capire tante cose.

Se voglio sapere l'evoluzione delle cose mi servono più carte, così pure se voglio vedere più in là nel tempo.

Se ho curiosità, voglio sapere stati d'animo, pensieri di qualcuno le sibille mi pettegolano meglio.
Ma ho notato che a me prendono tempi brevissimi rispetto ai tarocchi.

Più precisa è la domanda più precisa è la risposta. meno giri di parole si fanno nel porre la domanda meno giri di parole fanno le carte.

Più carte si prendono più si va in là nel tempo. però specialmente se sono per me stessa, estrarre molte carte mi porta fuori strada. io sono pessimista di natura, vedo sempre negativo, quindi più la questione è importante per me più vado in palla con troppe carte e ho bisogno di aiuto per capirle.

Baci :P

grazie titty1973, condivido quanto dici. mi sembra che le tue siano buone regole.
3 carte per un SI o un NO, e poi più carte se vuoi sapere della situazione più in dettaglio.

non sono sicura che più carte indichino un tempo più lungo...penso che forse esplorano più aspetti della stessa situazione nello stesso tempo.
e per questo diventa più difficile collegare tutte le carte fra loro.
come se un evento preciso lo vedessimo da diverse angolazioni.
è la stessa cosa, ma vista in prospettive diverse. secondo te ci potrebbe stare?

la difficoltà quando si prendono molte carte, è che per natura siamo abituati a vedere solo un modo...per questo è utile il confronto con altre persone, che ci aprono diverse prospettive...e nuovi modi di interpretare il significato delle carte estratte.
poi se la stesa è per noi stesse, la faccenda si complica dal fatto che siamo coinvolte emotivamente, e tendiamo a distorcere il significato, a volte in positivo, a volte in negativo...per troppo ottimismo, o troppo pessimismo!

:wub: baci pepper

non porre mai limiti a future possibilità.
..qualsiasi cosa ci accada è sempre la conseguenza di uno stato d'animo nutrito a lungo..
 
PM Email  Top
view post Posted on 13/8/2011, 18:12 Quote
Avatar

Group:
Member
Posts:
3,453

Status:


CITAZIONE (peperoncinorosso1 @ 13/8/2011, 17:22) 
CITAZIONE (persuasa @ 12/8/2011, 22:33) 
Secondo me si cara pepper, anche se può sembrare banale, il tuo discorso è più che pertinente poichè ad una domanda precisa occorre dare una risposta precisa e quanto più chiara possibile. La quantità delle carte poi, anche se non stabilita serve in ogni caso ad ottenere un responso preciso in positivo o in negativo. Io credo anche che sia utile cercare di ottenere, tramite la domanda, quante più informazioni possibili se si vuole "approfittare" dell'opportunità che purtroppo è tralaltro limitata. Il modo in cui si pone una domanda, rivela, forse, per cosi' dire "chi siamo e cosa vogliamo" :) ciao pepper !!!

ciao persuasa, grazie della risposta.
ma mi viene da pensare che allora a questo punto nemmeno serve porre una domanda!!!
basta estrarre delle carte e vedere cosa dicono in base al contesto in cui voglòiamo indagare.
che ne pensi?

ciao :wub: pepper

CITAZIONE (titty1973 @ 12/8/2011, 23:28) 
La domanda non mi pare banale..
Io ti dico la mia piccola esperienza.

decido il numero di carte in base alla domanda e prima di stenderle, al massimo dopo il taglio.
Se voglio una risposta secca ne prendo solo 3, o è un si o è un no e per me i tarocchi rispondono meglio. vanno dritti al sodo e analizzando anche 3 carte puoi capire tante cose.

Se voglio sapere l'evoluzione delle cose mi servono più carte, così pure se voglio vedere più in là nel tempo.

Se ho curiosità, voglio sapere stati d'animo, pensieri di qualcuno le sibille mi pettegolano meglio.
Ma ho notato che a me prendono tempi brevissimi rispetto ai tarocchi.

Più precisa è la domanda più precisa è la risposta. meno giri di parole si fanno nel porre la domanda meno giri di parole fanno le carte.

Più carte si prendono più si va in là nel tempo. però specialmente se sono per me stessa, estrarre molte carte mi porta fuori strada. io sono pessimista di natura, vedo sempre negativo, quindi più la questione è importante per me più vado in palla con troppe carte e ho bisogno di aiuto per capirle.

Baci :P

grazie titty1973, condivido quanto dici. mi sembra che le tue siano buone regole.
3 carte per un SI o un NO, e poi più carte se vuoi sapere della situazione più in dettaglio.

non sono sicura che più carte indichino un tempo più lungo...penso che forse esplorano più aspetti della stessa situazione nello stesso tempo.
e per questo diventa più difficile collegare tutte le carte fra loro.


come se un evento preciso lo vedessimo da diverse angolazioni.
è la stessa cosa, ma vista in prospettive diverse. secondo te ci potrebbe stare?
Bè certo..ma dovrò aver più esperienza per verificarlo..infatti provo entrambe le cose per fare le prove...

la difficoltà quando si prendono molte carte, è che per natura siamo abituati a vedere solo un modo...per questo è utile il confronto con altre persone, che ci aprono diverse prospettive...e nuovi modi di interpretare il significato delle carte estratte.
poi se la stesa è per noi stesse, la faccenda si complica dal fatto che siamo coinvolte emotivamente, e tendiamo a distorcere il significato, a volte in positivo, a volte in negativo...per troppo ottimismo, o troppo pessimismo! Si ma a parte questo, alcuni dicono che a se stessi non rispondano correttamente, io non credo, però tutto può essere...

:wub: baci pepper

 
PM Email  Top
view post Posted on 14/8/2011, 11:41 Quote

Group:
Fan
Posts:
181

Status:


Ho riletto il regolamento e l'interpreazione occorre in ogni caso perciò credo che le carte, ribadisco, indipendentemente da quante siano , richiedano-1 un'interpretazione -2 comunque una chiara risposta alla domanda. Secondo me più carte equivale a dire più informazioni ma a questo punto anche il tipo di stesa è importante. Il fatto di commentare stese delle quali non si conosce bene il metodo può portare a questo e forse a questo punto devo dire mea culpa!!!! del resto siamo tutte quì per imparare però credo che il metodo di pescare 3 o 5 o 7 carte in fila sia semplice e dia buoni riscontri, sia perchè la visione del tempo mi sembra più chiara, sia perchè comunque non le ho mai trovate contraddittorie. Ora vi saluto e credo che prima di azzardare una nuova lettura studierò ancora un pochino ciao a tutte e buon ferragosto!!!
 
PM Email  Top
view post Posted on 18/8/2011, 09:30 Quote
Avatar

Group:
Member
Posts:
905

Status:


Ciao ragazze!

Bella domanda pepper... io in linea di massima sono d'accordo con quello che dice titty1973 seguo le stesse regole quando faccio le sibille.
Devo dire che anche per me vale la "regola" che più carte estraggo ( massimo 5 o 7 ) più in là vedono nel tempo. Per cui se con 3 carte orientativamente indicano un periodo di 1 mese, per 5 carte un paio di mesi e così via... Naturalmente il discorso cambia quando nella stesa escono carte che rallentano i tempi stessi.

a9EQg
 
PM Email  Top
6 replies since 12/8/2011, 20:20
 
Reply